Il fascino di una terra antica,
la suggestione di una natura rigogliosa…


Valcamonica, delle vallate lombarde la più estesa e non men celebre per guerreschi fatti nelle antiche storie, per famiglie nobili e onoratissime, e per uomini che sono stati illustri per lettere, per armi, e per carichi importanti; per fertilità del suo suolo; per industria e per commerci de’ suoi abitanti…

(Agostino Caggioli, “Storia di Valcamonica”, 1853)

E’ un immenso piacere accompagnarvi in un viaggio ‘virtuale’ alla scoperta della Valcamonica, un territorio ricco di tradizioni, di storia, di cultura, di arte e di bellezze naturali e paesaggistiche. Nel cuore di questo territorio, a metà strada tra i due centri medievali di Ceto e Nadro, sorge la piana di San Faustino, località che fa parte del comune di Ceto. Da sempre vocata all’agricoltura, questo lembo di terra si stende sino all’Adamello, sulle cui piste amava sciare anche Papa Giovanni Paolo II, ed è adagiato su un terrazzo glaciale che si affaccia sulla Concarena, ai piedi del Pizzo Badile. Le due montagne erano ritenute sacre dagli antichi popoli preistorici, i Camuni, che abitavano queste zone e che qui hanno lasciato numerose testimonianze della loro cultura, disseminando le rocce levigate dal ritiro dei ghiacci con incisioni rupestri, realizzate fra il V e il I millennio a.C. nella zona attorno a Capo di Ponte. Su questa storia, a testimoniare il grande rispetto per la tradizione e la passione per questa terra antica, nascono l’Azienda Agricola e l’Agriturismo San Faustino, gestita dalla Famiglia Bonomi.

Le ultime news